PRIMA SQUADRA: SCONFITTA AMARA CON IL VILLAFRANCA

PRIMA SQUADRA: SCONFITTA AMARA CON IL VILLAFRANCA
12/02/2018

Per l’Infernotto sconfitta casalinga contro il Villafranca che si impone sui padroni di casa per 3 reti a 1. Sconfitta che lascia l’amaro in bocca ai locali per come si è sviluppato l’incontro, con l’infernotto intento a fare gioco ma sfortunato nelle conclusioni, anche per la bravura del portiere avversario, e con il Villafranca sulla difensiva e cinico a sfruttare le uniche occasioni avute capitalizzandole al massimo.
Al 8’ il primo brivido per la difesa villafranchese, Ligregni imbeccato da un lancio dalle retrovie impegna severamente Basano che respinge la conclusione, poi ancora Ligregni sulla respinta tira a botta sicura ma in extremis un difensore, piazzato sulla linea di porta, riesce a intercettare la palla e a salvare la propria squadra dal 1 a 0. Al 13’ è Sellam ad impensierire la difesa di casa, su palla persa dal centrocampo dell’Infernotto si invola verso l’area ma al momento della conclusione viene chiuso in angolo dalla difesa. Al 15’ il Villafranca segna la rete del 1 a 0. Passaggio in orizzontale della difesa di casa, Previati intercetta e parte in contropiede una volta giunto al limite dell’aerea lascia partire un diagonale che va a sbattere all’interno del palo lungo e poi la palla termina in rete battendo inesorabilmente Chisari. Al 18’ punizione dal limite di Calafiore palla appena sopra l’incrocio dei pali. Al 31’ autentico miracolo di Basano, su calcio d’angolo battuto ottimamente da Gili, Bessone gira di testa piazzando la palla all’incrocio dove con un bel colpo di reni è bravissimo il portiere villafranchese a smanacciare la palla e a toglierla dal sette salvando i suoi dal goal del pareggio. Al 39’ su ripartenza dubbia di fuorigioco di un giocatore del Villafranca ne scaturisce un cross in area dove si avventa Sellam che di tuffo gira di testa, Chisari risponde in angolo. Al 41’ ancora una buona occasione per l’Infernotto con Gili che con una doppia conclusione, con la prima impegna severamente Basano e con la seconda spedisce di poco a lato. Su questa azione praticamente si conclude il primo tempo.
L’inizio del secondo tempo avviene sullo stesso canovaccio della prima frazione di gioco e al 7’ l’infernotto sigla il meritato goal del pareggio. Su azione dalla destra di Charbonnier la palla viene caparbiamente difesa e messa in mezzo all’area, sulla stessa si avventa Calafiore che conclude centrale, respinge ancora una volta Basano ma la palla arriva sui piedi di Ligregni che tira una sassata di sinistro che finalmente fa capitolare l’estremo difensore ospite.
Dal goal in poi e fino al 30’, minuto del raddoppio del Villafranca, l’Infernotto assume il controllo del match e crea ancora un paio di occasioni con Ligregni sulle quali è sempre bravo il portiere ospite. Come detto al 30’ l’episodio che cambia le sorti dell’incontro. Nel momento migliore per i padroni di casa è il Villafranca a trovare il goal del 2 a 1. Goal su rigore siglato da Sellam. Calcio dagli undici metri assegnato sugli sviluppi di una punizione con palla a spiovere sul secondo palo dove un difensore nel tentativo di anticipare il diretto avversario lo atterra con l’arbitro, che dopo un momento di indecisione, assegna il penalty. Il raddoppio è un pugno diretto in faccia all’Infernotto che tenta di reagire ma, ad eccezione di una girata di Ligregni, non riesce più a rendersi pericoloso come in precedenza. Anzi al 49’ subisce anche la terza rete che rende il passivo oltremodo pesante al di là di quanto si è visto in campo. Goal preso in contropiede e siglato da Baruzzo su suggerimento di Barra che presentatosi a tu per tu con il portiere avversario, anziché concludere, generosamente appoggiava la palla al compagno per la conclusione nella porta sguarnita. Il terzo goal chiudeva le ostilità e l’arbitro decretava la fine dell’incontro.
Tre punti d’oro per il Villafranca che allunga in classifica proprio sull’Infernotto che da parte sua mastica amaramente per come è stato l’andamento della partita e per quanto poco alla fine ha raccolto. Con la consapevolezza però che se da qui in avanti le prestazioni saranno come quella di ieri per forza di cose anche i punti arriveranno.